Cari amici, spero che in questo blog troverete notizie per orientarvi nella scelta di un buon allevamento. Troverete anche tantissime foto dei cavalier king della Domus Aventina di Roma, allevamento da cui proviene il mio Scott.
Se la lettura di quanto scriverò aiuterà qualcuno a non soffrire per la morte o le malattie del cucciolo incautamente acquistato, sarà per me fonte di immensa gioia.

Cristina
Per gli appassionati di questa razza segnalo anche Il Cavalier King Charles Spaniel FORUM dove oltre a stare piacevolmente in compagnia scambiandoci notizie e foto, si possono trovare utili informazioni per crescere in modo corretto i nostri Cavalier, approfondimenti su malattie, vaccinazioni, eventuali pericoli da evitare per la loro salute e tutto ciò può servirci nella nostra vita con loro.

Apri Il Cavalier King Charles
Spaniel FORUM in finestra pop-up
( non abilitato per Internet Explorer )

E il sito Conoscere il Cavalier King:consigli, salute, bellezza dove troverete tutti gli argomenti trattati in questo blog e molto altro...un punto di informazione completo sul Cavalier King Charles Spaniel.

Vi aspettiamo!

Ultimi post di Cavalier King Charles Spaniel

giovedì 8 aprile 2010

Occhi che parlano al cuore


Altro che diamanti e diamanti...Un Cavalier è per sempre!
Era da tanto tempo che aleggiava in casa, la voglia di avere un cane, ma la consapevolezza dell’impegno era talmente elevata, memori della gestione di un Pastore tedesco, che ci fece desistere, optando per una gatta stupenda, maggiormente autonoma e indipendente, finché un giorno a pranzo esclamai :-Prendo un cane!-
Mi aspettavo reticenze, invece mia mamma e mia sorella mi appoggiarono subito e ne fui felicissima, perché vivendo da sola sapevo di aver bisogno di aiuto.
L’unico un pò titubante era il babbo, per lui un cane, IL cane, era il Pastore tedesco.
Quei cagnolini con il cappotto, che incontrava per strada, erano fuori dal suo standard; ma dovendolo gestire insieme alla mamma, in appartamento per altro, dovevamo orientarci su un cane di taglia minore ed ecco che entra in gioco il Cavalier.Mia sorella iniziò una ricerca su Internet, sugli allevamenti della zona, con l'intento di recarsi personalmente, fino a quando una domenica, prese appuntamento. Partimmo in macchina: noi tre donne, con lo spirito di farci un’idea; non avevamo mai girato per allevamenti quindi per noi era un mondo sconosciuto.
In una stanza riscaldata c’erano diversi box, con varie razze di cani tra cui il “reparto” Cavalier”...il nostro desiderio iniziale era di prendere una femmina Blenheim, ma quella propostaci non ci convinceva.
Nel mucchio spiccava un batuffolo tricolore, vivacissimo, che metteva tutti in riga, nonostante la voglia trascinante di giocare…fu amore a prima vista!. Ce la fece vedere, mi diede un bacino sul naso…La sentivo già mia!
Con un rapido sguardo di intesa con mia mamma e mia sorella ci dirigemmo in ufficio per i dettagli…Avevamo deciso.
Purtroppo però ci accorgemmo solo in un secondo momento che era un cane proveniente dall’Est, ma non ce la sentimmo di lasciarla lì…Ci guardava con degli occhioni che imploravano di portarla a casa con noi.
Sbrigammo tutte le pratiche amministrative, ci consegnarono la cagnolina con un bel cappottino rosso, una coperta per proteggerla dal freddo , la cuccia e un giocattolo.
CAMILLA stava venendo a casa con noi! Era il 16 novembre 2008.
Eravamo incredule ma felici come un bambino che intinge il dito nel barattolo della marmellata.
Dopo poco però, nacquero le preoccupazioni e i pensieri sulla sua salute, data la provenienza.
Siamo stati molto fortunati,ma la paura che potesse non essere sana ci toglieva il sonno
Un’altra tappa fondamentale della nostra vita è stata la decisione di prendere un "fratellino" alla nostra principessa, senza incappare nuovamente nell'errore di chi non sa.
E’ così che ci trovammo a prendere contatti con un allevatore di Roma, il quale ci informò che era nata una cucciolata il 5 maggio (spontaneo il pensiero al 5 maggio di Manzoni…Non poteva che essere un successo).
Il viaggio in direzione della capitale ci sembrò lungo, interminabile, tanta era la voglia di vedere il cuccioletto che avrebbe ulteriormente rallegrato le nostre giornate.
La prima sensazione,vedendo i cuccioli, fu quella di metterne uno in ogni borsa che avevamo a disposizione…
Forse qualcuno se ne sarebbe accorto (forse?).
Trascorsa una settimana da quell’incontro, i miei genitori rifecero il viaggio per portare ALEX a casa ….Lunedì 13 luglio 2009, altra data da rammentare nel nostro viaggio dei ricordi .
Un delizioso e dolcissimo batuffolo di pelo,è un dispensatore di baci:è il nostro killer! Ti conquista e ti atterra riempiendoti di effusioni e sommergendoti di bacini e coccole.




E’ innegabile che un cane ti cambi a vita…Due ancora di più!
Sono cani che si amano per ogni cosa che fanno, anche quando li rimproveri, perché ti fissano con quegli occhioni tondi che sembrano avere un filo diretto con il cuore.


Vengono viziati proprio come bimbi e solo chi li possiede può comprendere che entrano a far parte, a tutti gli effetti, del nucleo familiare.


Sono i miei tesori…Compagni silenziosi, unici, fidati e fedeli.

Elena,Camilla e Alex

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie della visita e del commento, torna a trovarci!